torta salata con peperoni

Torta salata con peperoni, formaggio e aceto balsamico

Le torte salate sono piatti facili e veloci da poter preparare in tante versioni. Infatti, esistono tantissime ricette diverse, che si rivelano preparazioni versatili e adatte a differenti occasioni, ideali sia per antipasti sfiziosi che da servire come piatti unici. Se siete appassionati di torte salate, vi trovate nel posto giusto. Oggi vi proponiamo una ricetta semplice e gustosa: quella della torta salata con peperoni, formaggio e aceto balsamico. Continuate a leggere per scoprire quali sono le indicazioni per preparare questa pietanza sfiziosa e alcune informazioni in più sui suoi ingredienti.

La torta salata dal ripieno colorato

Questa speciale ricetta vede l’utilizzo di peperoni di tre diversi colori: giallo, rosso e verde. Questi potranno essere avvalorati dalla presenza di un gustoso strato di formaggio e da un tocco di inebriante aceto balsamico. Questa torta salata con peperoni è deliziosa, ma anche altamente nutriente e saziante. Si presenta come un pasto ricco di tutte le sostanze nutritive di cui abbiamo bisogno, dalle vitamine fino ad arrivare alle proteine. Potrà deliziare il palato, ma anche gli occhi: è la ricetta ideale per sorprendere i vostri ospiti non solo con la bontà, ma anche con l’estetica invidiabile e colorata.

La ricetta della torta salata con peperoni, formaggio e aceto balsamico

Andiamo a scoprire tutti i passaggi e gli ingredienti principali di questa preparazione gustosa.

Ingredienti per 4 persone

  • 1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare,
  • 150 g di Edamer (o di un altro formaggio che preferite),
  • 3 peperoni (uno rosso, uno verde e uno giallo)
  • Menta, olio evo, sale e pepe q.b.
  • Aceto Balsamico di Modena I.G.P.b.

La preparazione

Per preparare questa torta salata con peperoni, prendete questi ultimi, lavateli e asciugateli con cura. Poi metteteli in forno statico a 180° per 40 minuti, ricordandovi di girarli almeno un paio di volte durante la cottura. Passato questo tempo, lasciateli raffreddare. Quando si saranno raffreddati, togliete la buccia e pulite all’interno, eliminate i semi e le parti non edibili. Tagliateli poi a strisce di piccolo spessore. Versateli in una ciotola e aggiungete pepe, sale e un filo d’olio. Amalgamate il tutto e unite la menta e l’aceto balsamico.

Per la composizione e la cottura della torta salata con peperoni, foderate uno stampo rettangolare con la carta da forno e, dopo averla srotolata, sistemate con cura la pasta sfoglia. In seguito bucherellatela con una forchetta. Dopodiché prendete il formaggio e grattugiatelo fino a ricoprire per bene tutta la superficie della sfoglia. Sistemate, infine, i peperoni alternando le strisce in base al colore. Ripiegate i bordi all’interno e cuocete la torta in forno statico a 200° per circa 30/35 minuti.

peperoni

A tavola con la torta salata con peperoni, formaggio e aceto balsamico

Prima di sfornare la torta salata lasciatela raffreddare qualche istante. Poi riponetela su un piatto adeguato e servitela tiepida. In questo modo potrete gustare al meglio la sua farcia. Potrete cospargere la superficie della torta con alcune foglie di menta, per dare quel tocco di profumo in più. La torta salata con peperoni, formaggio e aceto balsamico conquisterà proprio tutti! Un ultimo consiglio: per la preparazione, provate l’Aceto Balsamico di Modena I.G.P. Sigillo Bronzo. Non ve ne pentirete!


batterie-produzione condimenti balsamici

Come usare i condimenti balsamici in cucina

Se amate i condimenti balsamici e volete conoscere nuovi metodi per sfruttarne le caratteristiche culinarie in maniera totale, continuate nella lettura di questo articolo. Vi proporremo suggerimenti, soluzioni e prodotti da provare al più presto.

Cosa sono i condimenti balsamici e quali sono le loro principali caratteristiche?

I condimenti balsamici sono prodotti enogastronomici realizzati con il mosto cotto e l’aceto di vino. L’unione di questi ultimi, in seguito al raggiungimento della fermentazione acetica, permette di sviluppare diverse note di gusto capaci di avvolgere e conquistare ogni palato. Nella maggior parte dei casi, questi condimenti sono scuri e vantano un sapore agrodolce. Ce ne sono di vari tipi, che si distinguono tra loro per densità e gusto.

I condimenti balsamici devono la loro prelibatezza soprattutto all'invecchiamento al quale sono stati sottoposti: vengono lasciati riposare in botti di legno per molto tempo. Questo permette ad essi di acquisire differenti sfumature di sapore, che variano in base al tipo di legno che li accoglie. Il ruolo dei condimenti balsamici è quello di impreziosire il sapore di ogni piatto e donare ad ogni pietanza tante diverse sfumature di gusto.

condimenti in cucina

Come utilizzare questi prodotti in cucina?

Questi prodotti risultano molto apprezzati in particolare per via della loro versatilità. Infatti, possono essere utilizzati sia per gli antipasti che per le altre portate (incluso il dessert). I condimenti balsamici hanno lo scopo di accentuare il sapore delle portate che andranno a condire, ma non di nasconderlo. Quindi è importante dosarli con attenzione, in maniera tale da non coprire troppo il gusto delle pietanze. In base alla tipologia del prodotto e al condimento prescelto sarà possibile realizzare un connubio di sapori in grado di solleticare anche i palati più difficili.

Esistono davvero moltissime ricette che permettono di utilizzare questi condimenti in cucina. Sono apprezzabili soprattutto in abbinamento alle verdure cotte e crude. Possono essere usati altresì per la preparazione di piatti a base di carne e per insaporire ulteriormente la mozzarella di bufala, alcune salse e le insalate.

Possono avvalorare persino alcuni dessert: i condimenti al balsamico sono ottimi in particolare nelle macedonie o in abbinamento alle marmellate. In ogni caso permettono di risvegliare i sapori tradizionali e di donare una grande qualità alle pietanze preparate.

Dove si possono trovare dei gustosi e genuini condimenti balsamici?

Per portare in tavola tutto il sapore della tradizione, si consiglia sempre di acquistare questi condimenti direttamente dalle acetaie di Modena e Reggio Emilia. Anche Acetaia Marchi vi offre una vasta selezione di condimenti balsamici di alta qualità. Vi consigliamo di assaporare anche il nostro esclusivo Condimento Biologico Bianco: un’eccellenza da non sottovalutare!

Tutti i Condimenti Balsamici di Acetaia Marchi vengono realizzati con mosto d'uva cotto e aceto di vino, e lasciati riposare in botti di legno pregiato. I Pregiati, le Riserve, i Leggendari e gli altri nostri prodotti vi aspettano per conquistarvi con un gusto unico, ma anche con le loro bottigliette dal design raffinato ed elegante. Sono così belli che potrete collezionarli. Parola di Acetaia Marchi!


acetaia-marchi-una-visita-guidata-alla-scoperta-dell-aceto-balsamico

Una visita guidata alla scoperta dell'aceto balsamico

Quando parliamo del vero Aceto Balsamico, quello D.O.P. e I.G.P., è istintivo e immediato il collegamento con la città e con l'intera provincia di Modena. Qui, infatti, si trovano meravigliosi vigneti che producono uve caratterizzate dalla giusta concentrazione di zuccheri e acidità. Queste uve si rivelano una materia prima di assoluta eccellenza proprio per la produzione di Aceto Balsamico.

Se volete regalarvi una tappa del turismo enogastronomico o una visita che sia una esperienza sensoriale inimitabile per gusti e contenuti, allora vi consigliamo di prenotare una visita alla nostra acetaia. Ciò che vedrete, ascolterete e degusterete vi conquisterà!

Una visita che vi racconterà un’affascinante storia

Le origini dell'Aceto Balsamico di Modena risalgono addirittura agli antichi Romani. Questo popolo cuoceva il mosto d'uva per ottenere un condimento saporito per le pietanze, che aveva la prerogativa di conservarsi a lungo. Ai tempi il balsamico non era ancora quello che conosciamo oggi, ma era un prodotto molto apprezzato, ritenuto un valido dolcificante e anche un prezioso medicinale.

Bisognerà arrivare all'XI secolo per trovare un legame documentato tra l’Aceto Balsamico e Modena. Da quel periodo in poi, le testimonianze si sono moltiplicate fino ad intrecciarsi con la storia di importanti famiglie nobili note in passato nel nostro territorio. Ce ne sono alcune che hanno tanto amato e incoraggiato la produzione di questo condimento!

Dalla metà dell'Ottocento questo prodotto enogastronomico è stato più volte il protagonista incontrastato di molte tavole… Nella storia più recente sono stati attribuiti al balsamico i meritati e prestigiosi riconoscimenti D.O.P. e I.G.P., nonché tanti premi in Italia e in giro per il mondo. Durante una visita guidata alla nostra acetaia vi racconteremo le parti più importanti di questa storia e anche della nostra storia!

acetaia-marchi-una-visita-guidata-alla-scoperta-dell-aceto-balsamico-2

 

Tra gusto, tradizioni e cultura

Durante una visita all'acetaia è possibile conoscere e ammirare l'intera filiera produttiva. Si osserveranno i vigneti per poi addentrarsi nei luoghi dove, con la sapiente maestria tramandata da generazioni, tutto si compie. La pigiatura delle preziose uve, la cottura del mosto e il suo trasferimento in botti realizzate in aromatici legni pregiati. È all’interno di queste ultime che si compie l'invecchiamento.

Avrete la possibilità di comprendere e apprezzare il valore dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P. e dell'Aceto Balsamico di Modena I.G.P. Potrete conoscere il lavoro, la pazienza, la costanza, la dedizione e la determinazione da cui nascono e che spiegano le caratteristiche che li hanno resi celebri e inimitabili.

Vi aspettiamo nella nostra acetaia!

Come avrete compreso, fare una visita alla nostra acetaia vi darà la possibilità di conoscere - sotto tutti gli aspetti - l'Oro Nero di Modena. Potrete degustarlo in modo semplice e, se vorrete, potrete scoprire il gusto di tutta una serie di prelibate preparazioni in cui il balsamico è protagonista. Sono tantissime le bontà del territorio che vengono arricchite con l'Aceto Balsamico!

Quello che vi proponiamo è un vero e proprio percorso enogastronomico: potrete riscoprire il sapore della tradizione… Starà a voi stabilire se preferite il profumo e la consistenza dell'Aceto Balsamico di Modena D.O.P. o se amate l'I.G.P. nella versione classica o biologica. Vi aspettiamo!


acetaia-marchi-gustosa-pancetta-croccante-con-aceto-balsamico-di-modena

La gustosa pancetta croccante con Aceto Balsamico di Modena

Se desiderate preparare una gustosa cena per stupire i vostri amici o la vostra famiglia, siete proprio nel posto giusto. Infatti, quella che vi proponiamo oggi è una preparazione che sicuramente lascerà tutti i vostri ospiti a bocca aperta. Si tratta della ricetta della pancetta croccante con Aceto Balsamico di Modena.

Questo secondo piatto o antipasto è molto saporito e sfizioso. Il procedimento è molto semplice e vi permetterà di preparare una pietanza adatta a tutta la famiglia… La pancetta croccante vi farà conquistare tutti e ricevere tanti complimenti!

Gli ingredienti principali

Per preparare la sfiziosa ricetta della pancetta croccante con Aceto Balsamico di Modena vi serviranno non solo la pancetta e il balsamico, ma anche i peperoni rossi. Questi ultimi renderanno il piatto più colorato e ancora più sfizioso e nutriente. A dare quel tocco di gusto inconfondibile sarà però l’Aceto Balsamico. Questo ingrediente, infatti, è sempre ciò che esalta, avvolge e rende ogni sapore ancor più eccellente!

Ingredienti per 4 persone

  • 500 g di pancetta,
  • 3 peperoni rossi,
  • olio extravergine d’oliva,
  • 2 cucchiaini di Aceto Balsamico di Modena I.G.P.,
  • 1 o 2 litri d’acqua,
  • Un rametto di rosmarino,
  • Uno spicchio d’aglio,
  • Una foglia d’alloro,
  • Sale e pepe q.b.

acetaia-marchi-gustosa-pancetta-croccante-con-aceto-balsamico-di-modena-2

La preparazione della pancetta croccante con Aceto Balsamico di Modena

Innanzitutto prendete la pancetta con la cotica, poi preparate il barbecue e spazzolate la griglia di cottura. In questo caso consigliamo di prediligere la cottura indiretta: un metodo in cui il cibo viene posto a distanza dalla fiamma e il barbecue viene coperto con l’opportuno coperchio.

Per mettere in atto questa tecnica culinaria, accendete il fuoco solo ai lati del barbecue. Poi preparate una teglia con l’aglio, il rosmarino, l’alloro e mezzo litro d’acqua e appoggiatela su di esso. Stendete la pancetta nella parte sopra alla griglia e provvedete ad abbassare il calore. Dopo aver chiuso il coperchio, lasciate cuocere la pancetta per un paio d’ore circa.

I peperoni, invece, devono essere cucinati in maniera diretta: potrete metterli interi sulla griglia e controllarli spesso fino al termine della cottura. A questo punto potrete comporre la portata di pancetta croccante con Aceto Balsamico di Modena. Per farlo dovrete tagliare la pancetta a pezzetti e farla girare un po’ in padella per renderla croccante. Poi potrete tagliare i peperoni a pezzi (poco più grandi dei cubetti di pancetta), per poi condirli con l’olio, il pepe e il sale. Assortite il piatto con le due preparazioni e versate un po’ di Aceto Balsamico per esaltare il gusto.

A tavola con la pancetta croccante con Aceto Balsamico di Modena

Come avete potuto notare, con pochi ingredienti e con poca fatica conquisterete tutta la tavola e sicuramente ci sarà qualcuno che vi vorrà rubare la ricetta! Questo piatto si rivelerà una piacevole sorpresa per i vostri ospiti: ogni portata di pancetta croccante con Aceto Balsamico di Modena proporrà un gusto indimenticabile. Provatela con uno dei nostri prodotti: li trovate qui. Non esitate a contattarci per richiedere un consiglio per la scelta del balsamico giusto!


botti di rovere, castagno, ciliegio, ginepro per la produzione e l'invecchiamento dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P

Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P: una preziosa idea regalo

Avreste mai pensato di regalare l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P? Sicuramente, si tratta di un’opzione da non sottovalutare. È un dono prestigioso, che risulta sempre molto apprezzato.

Il nostro aceto, frutto di una tradizione centenaria

L'Aceto Balsamico Tradizionale D.O.P si propone come un regalo speciale, capace di offrire a chiunque un sapore unico. Regalarlo significa donare un prodotto accompagnato da una storia lunghissima, che pone le sue origini nell’antichità.

Questo prodotto è il frutto delle conoscenze tramandate di padre in figlio. Queste conoscenze uniscono la passione e l'esperienza, creando un prodotto pregiato. L’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P può offrire lo sprint ideale a tanti piatti salati e un inaspettato tocco di bontà in più a molti dessert.

Il bouquet di odori pervaderà istantaneamente il destinatario del dono, non appena avrà stappato la bottiglia in vetro dal design classico ed elegante. Il destinatario potrà apprezzare immediatamente gli aromi scaturiti dall'invecchiamento del mosto cotto, ottenuto da uve del territorio e lasciato invecchiare in botti di legni pregiati. Tra questi ultimi troviamo rovere, castagno, acacia, ciliegio, frassino e gelso.

Regalare l'esperienza del gusto dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P

Tutte le nostre versioni dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P vantano un gusto elaborato che si sposa perfettamente con tantissimi cibi, esaltandone le caratteristiche organolettiche. Pertanto, i destinatari del vostro prezioso regalo riceveranno un dono versatile, da usare in cucina in base alle proprie preferenze. All’interno del nostro sito troverete numerose opzioni tra le quali scegliere, che si differenziano tra loro per la complessità degli aromi, per la densità e per l’entità dell’invecchiamento.

Quando si regala l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P, più che un prodotto si regala un'esperienza sensoriale fatta di gusto e tradizione.

idea regalo per appassionati di cucina Aceto Balsamico tradizionale di Modena D.O.P.

La nostra è una bontà certificata

La qualità della materia prima, che arriva direttamente dalle colline modenesi, rende il nostro aceto una vera e propria eccellenza. Questo permette ai nostri clienti di portare in tavola la tradizione e tante sfumature di un sapore autentico. Potete fidarvi dei nostri prodotti perché la nostra è una bontà certificata.

Le certificazioni che accompagnano i nostri prodotti le abbiamo ottenute grazie al nostro attento lavoro quotidiano e alla nostra passione. Sono derivate anche dalla dedizione che i nostri professionisti impiegano nel curare le materie prime, lavorare le terre e perfezionare ogni passaggio che dà vita ad un prodotto eccellente. Regalando il nostro Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P, donerete una bontà autentica e certificata.

Mai più senza!

Il nostro Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P è un prodotto che si evolve e che assorbe sapori per tutta la durata della maturazione nelle botti. Una volta imbottigliato, conserva tutta la sua bontà per un lungo periodo, rimanendo sempre delizioso e perfetto da gustare in combinazione con differenti pietanze. Riesce a conquistare proprio tutti, anche il palato più fine. Conquista persino per il suo aspetto, in quanto viene proposto in un packaging raffinato e dal design tradizionale e unico.

Perciò, possiamo dire con certezza che l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P è proprio un regalo prezioso e adatto ad ogni occasione!


Polpette capresi con Aceto Balsamico di Modena IGP

Le polpette capresi all'aceto balsamico

Avete bisogno di un piatto semplice e veloce per deliziare il palato dei vostri invitati? Siete alla ricerca di uno sfizioso antipasto estivo che sorprenderà ogni ospite? Cercate una ricetta speciale per un aperitivo last minute? Qualunque sia il caso, vi proponiamo le polpette capresi all’aceto balsamico. Questo piatto, particolarmente indicato per la bella stagione, racchiude tutti i sapori tipici dell’estate con un tocco di golosità in più.

Una ricetta tricolore dal sapore mediterraneo

La triade che più rappresenta il nostro Paese è senza dubbio quella che nasce dall’unione di mozzarella, pomodoro e basilico. Queste tre eccellenze del nostro territorio si abbinano perfettamente tra loro e possiamo definirle il tricolore della cucina mediterranea.

Il pomodoro è l’emblema del sud Italia: con il suo colore vivo richiama il calore, la tradizione e la convivialità. È versatile e può essere utilizzato in abbinamento a numerosissimi alimenti. La mozzarella è un dolcissimo scrigno di latte che conquista per il suo sapore e la sua consistenza. E infine c’è il basilico, che rallegra e aggiunge carattere a numerosissimi piatti e anche alle nostre polpette capresi all'aceto balsamico. Quest’ultimo è proprio l’ingrediente che darà quel tocco di golosità in più a questa ricetta assolutamente da provare.

Entriamo nel vivo di questa ricetta fatta per stupire… con semplicità!

Vi consigliamo di acquistare materie prime di eccellenza, in quanto daranno al piatto un plus di gusto e genuinità. Ecco le dosi per dieci polpette capresi all’aceto balsamico.

  • 10 pomodorini,
  • 10 foglie di basilico fresco,
  • 10 mozzarelline di tipo ciliegine,
  • 150 g di pangrattato,
  • 150 g di farina 00,
  • 150 ml di Aceto Balsamico di Modena I.G.P.,
  • 3 uova intere,
  • Sale e pepe q.b.

La preparazione delle polpette capresi all’aceto balsamico

Iniziate tagliando i pomodorini a metà in senso verticale. Rimuovete la polpa utilizzando un tagliamelone o un cucchiaino. Una volta rimossa la polpa, inserite all’interno del pomodoro una mozzarellina e una foglia di basilico e assicuratevi che le estremità del pomodoro combacino. A questo punto posizionate in tre ciotole differenti la farina, le uova intere sbattute a cui sono stati aggiunti il sale e il pepe, e il pangrattato.

Prendete i bocconcini di caprese e passateli prima nella farina e poi nelle uova, assicurandovi di far colare l’eccedenza prima di "tuffarli" nel pangrattato. Completata l’operazione, immergeteli in una pentola con olio bollente. Estraete le polpette di caprese non appena la panatura sarà dorata. La doratura sarà il segnale da non sottovalutare: confermerà che la mozzarella è diventata morbida e filante! Lasciate le polpette capresi a intiepidirsi e nel frattempo preparate la riduzione di aceto balsamico. Basterà prendere un tegame stretto e dai bordi alti, versarci dentro la quantità indicata di balsamico e far cuocere a fiamma dolce per 3 o 4 minuti.

Aceto Balsamico di Modena I.G.P. Sigillo Argento

È il momento di servire le vostre polpette capresi!

Potete servire le polpette capresi in un bel piatto di portata e mettere in alcune ciotole la riduzione di aceto balsamico. Facendo così, ogni commensale potrà intingere le polpettine a proprio piacimento. Allora, avete già l’acquolina in bocca?


aceto balsamico di modena IGP biologico

Il nostro Aceto Balsamico di Modena IGP Biologico

Forse non tutti lo sanno, ma esiste anche l’aceto balsamico biologico… e ve lo proponiamo noi di Acetaia Marchi. Sappiamo bene che oggi come oggi è sempre più alta l’attenzione verso l’alimentazione sana. Proprio per questo produciamo prodotti genuini e privi di conservanti, coloranti, addensanti, antiossidanti, dolcificanti e solfiti. Abbiamo anche deciso di proporre ai nostri clienti l’aceto balsamico realizzato con uve provenienti da agricoltura biologica. Per l’esattezza, all’interno del nostro shop troverete due varianti di aceto balsamico biologico. Ve le presentiamo subito!

L’Aceto Balsamico di Modena I.G.P. Biologico Bronzo

Questo prodotto conquista con il sapore armonico, morbido e acetico e con il suo retrogusto fruttato e fresco. Per produrre questo aceto balsamico biologico uniamo i migliori mosti e li combiniamo con il miglior aceto di vino. Successivamente questa unione di ingredienti viene messa per affinamento nelle antiche botti di rovere. Questi ingredienti sono ottenuti grazie alle uve coltivate nei terreni di famiglia, seguendo il metodo biologico.

L’Aceto Balsamico di Modena I.G.P. Biologico Bronzo è un prodotto al 100% Bio, particolarmente consigliato per condire le insalate e per insaporire le verdure grigliate o le patate bollite.

L’Aceto Balsamico di Modena I.G.P. Biologico Platino

Anche questo aceto balsamico biologico vanta un sapore armonico e morbido, con note tanniche molto accentuate. Con il suo colore nero brillante e con il suo profumo intenso riesce a conquistare anche i più esigenti intenditori! Anche questo prodotto viene realizzato con i migliori mosti e con un ottimale aceto di vino, ottenuti esclusivamente da uve coltivate con metodo biologico. In seguito viene lasciato affinare in antiche botti di rovere.

Il nostro Aceto Balsamico di Modena I.G.P. Biologico Platino è caratterizzato da un’altissima densità e da un gusto che lo rendono l’ideale per avvalorare il sapore di piatti a base di pesce e carni alla griglia. È ottimo anche con le pere.

aceto-balsamico-di-modena-i-g-p-biologico-platino

Un’alternativa assolutamente da provare

Un altro dei prodotti che vi consigliamo di provare è il Condimento Biologico Bianco. È speciale per il suo colore giallo paglierino e per il suo inconfondibile sapore. Si tratta di un prodotto ottenuto esclusivamente da uve di Trebbiano, il mosto cotto e l’aceto di vino da esso derivanti miscelati tra di loro daranno vita ad un Condimento con un’apprezzabile densità, un gusto delicato e una piacevole sensazione acidula.

Questo prodotto al 100% biologico non contiene conservanti, coloranti, addensanti, antiossidanti, dolcificanti né solfiti aggiunti. È perfetto per sostituire il classico aceto di vino.

condimento-biologico-bianco

 

Le nostre salse all’Aceto Balsamico di Modena IGP Biologico

Oltre ai prodotti che vi abbiamo appena presentato, ci teniamo a dire che abbiamo usato il balsamico biologico anche per la produzione di alcune salse.

Le nostre salse all’aceto balsamico biologico e frutta vengono prodotte seguendo i procedimenti tradizionali contadini di una volta. Grazie al metodo artigianale, la frutta mantiene inalterato il suo sapore.

Scegliendo queste salse senza zuccheri aggiunti e prive di coloranti, conservanti, addensanti, antiossidanti e solfiti aggiunti, potrete portare in tavola tanta bontà e combinazioni culinarie uniche. Provatele con i formaggi stagionati, con i crostini di polenta, con la carne e seguendo le indicazioni proposte su ognuna delle pagine dedicate ai prodotti. Vedrete che con l’aceto balsamico - biologico e non - è tutto più buono!


acetaie aperte 2021

Acetaia Marchi per l’iniziativa Acetaie Aperte 2021

Ritorna anche quest’anno l’iniziativa che permette a chi ama l’aceto balsamico di scoprire come viene realizzato questo prodotto e di entrare nel mondo delle acetaie. Acetaie Aperte 2021 si terrà l’ultima domenica di settembre, ovvero il 26, e già fervono i preparativi per i numerosi produttori del nostro territorio che hanno deciso di partecipare.

Anche noi di Acetaia Marchi parteciperemo all’evento, aprendo le porte della nostra realtà e portandovi alla scoperta di prodotti autentici e speciali come l’Aceto Balsamico di Modena I.G.P. e l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P. Siete pronti per degustarli e per scoprire le loro innumerevoli peculiarità e sfumature organolettiche?

L’iniziativa

Acetaie Aperte 2021 vede come protagoniste oltre 30 aziende della provincia di Modena che quest’anno hanno deciso di far degustare e conoscere da vicino la propria produzione. Le aziende partecipanti, che continuano ad aumentare giorno dopo giorno, resteranno aperte al pubblico nella giornata di domenica 26 settembre 2021. Ognuna organizzerà le visite in modo personalizzato, assicurando un’esperienza entusiasmante a persone di ogni età e, ovviamente, sicura da un punto di vista della salvaguardia della salute. Tour guidati delle filiere produttive, degustazioni e intrattenimento: queste sono le parole chiave delle visite programmate per l’evento Acetaie Aperte 2021.

Le degustazioni di Acetaie Aperte 2021: non solo balsamico

Il bello di un’iniziativa di questo tipo è che permette non solo di scoprire le caratteristiche e le fasi di produzione dell’aceto balsamico: consente anche di conoscere gusti unici. Le degustazioni potranno portare ogni ospite ad assaporare le mille sfumature organolettiche del balsamico, tradizionale e non, e persino di tanti altri prodotti tipici del territorio. Dalle classiche crescentine ai crostini, dai formaggi ai salumi locali: ad Acetaie Aperte 2021 ogni palato verrà accontentato!

degustazione aceto balsamico di modenaLa visita ad Acetaia Marchi

Come anticipato, anche noi parteciperemo a questa iniziativa organizzata dai due consorzi per la tutela dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P. e dell’Aceto Balsamico di Modena I.G.P. Porteremo i visitatori della nostra Acetaia alla scoperta di questi fantastici condimenti.

Per l’occasione proponiamo la visita guidata all’interno della nostra azienda, accompagnata dalla degustazione dei nostri prodotti. Ci saranno assaggi di tigelle e calici di Lambrusco per tutti! Le visite per l’evento Acetaie Aperte 2021 possono essere prenotate, al costo di 5 euro a persona, per i seguenti orari:

9,30;
10,30;
11,30;
14,30;
15,30;
16,30;
17,30

Vi racconteremo una parte della nostra storia e vi porteremo negli angoli della nostra Acetaia per farvi conoscere più da vicino uno dei prodotti enogastronomici più amati. Sarà un’esperienza unica!

Acetaie Aperte 2021: è tempo di prenotare!

Entrare all’interno di un’acetaia è sempre stato un vostro desiderio? Vorreste scoprire come si produce l’aceto balsamico e com’è composta la relativa filiera produttiva? Se avete risposto di sì, allora Acetaie Aperte 2021 è proprio l’evento che fa per voi. Potrete conoscere da vicino il nostro mondo, in cui l’aceto balsamico e la tradizione sono protagonisti. Non esitate a contattarci e a prenotare al più presto la vostra visita all’Acetaia Marchi: dalla degustazione al tour guidato, vi assicuriamo divertimento e tanta genuina bontà!


acetaia-marchi-prodotti-confezioni-regalo-aceto-balsamico-tradizionale-modena-dop

Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P. extravecchio o affinato? Le differenze

L'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P. è uno dei condimenti più apprezzati ed imitati del nostro territorio, che dal 2000 vanta appunto la Denominazione di Origine Protetta.

Noi di Acetaia Marchi lo produciamo esclusivamente con mosti cotti di uve provenienti dalle province di Modena e Reggio Emilia. Per poter ottenere un prodotto di qualità dobbiamo riprodurre particolari condizioni climatiche in singolari sottotetti e seguire passo dopo passo una dettagliata procedura.

Produciamo entrambe le tipologie di balsamico tradizionale: l'Affinato e l’Extravecchio. Questi prodotti differiscono tra loro in particolare per quanto riguarda il procedimento di invecchiamento. Entriamo nel dettaglio.

Le tipologie di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P.

Come anticipato, le due principali categorie di balsamico tradizionale di Modena si distinguono sulla base del loro invecchiamento. L'invecchiamento del prodotto è determinato dal tempo che questo trascorre all'interno delle botti. Il balsamico, man mano che invecchia, verrà travasato in botti più piccole. L'insieme delle botti è chiamato "batteria" e deve essere composto da almeno 4 pezzi.

L'affinamento è il procedimento tramite il quale l'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P., via via che invecchia, diviene sempre più concentrato e aromatico grazie all'azione degli aceto-batteri. Occorrono circa due anni affinché si avvii il processo di fermentazione ed acetificazione del prodotto di partenza. Ne servono altri dieci di invecchiamento nelle varie botti della batteria per ottenere un prodotto che possa essere definito "affinato".

Viene considerato “extravecchio” un balsamico tradizionale che ha subito una maturazione in botte di almeno 25 anni. Questa tipologia di prodotto viene prelevata annualmente dalla botte più piccola. La sua produzione e l’imbottigliamento devono seguire le procedure fissate dal disciplinare di produzione. Il disciplinare obbliga i produttori ad imbottigliare l'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P. in bottigliette da 100 ml, sigillate sul tappo con un contrassegno numerato.

Le differenze tra l’Affinato e l’Extravecchio

Insomma, la principale differenza tra i due prodotti è data dal tempo di invecchiamento, che risulta superiore per l'extravecchio. Questa differenza si traduce in un’ulteriore distinzione: quella che riguarda il sapore e la consistenza. La più lunga durata dell’invecchiamento porta l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P. extravecchio ad avere una consistenza più densa e un sapore più aromatico e deciso.

L'aromaticità viene definita da una commissione d'assaggio composta da 5 degustatori che devono aver avuto l'abilitazione dalla Camera di Commercio di Modena. Questi attribuiscono un punteggio per l'aspetto visivo, il profumo e il gusto del prodotto. Solo dopo l'approvazione da parte della commissione sarà possibile imbottigliare e vendere l'aceto come Balsamico Tradizionale.

Un aceto affinato deve raggiungere un punteggio minimo di 229 punti, mentre un extravecchio non deve avere un punteggio sensoriale inferiore ai 255 punti.

Volete assaporare un ottimo Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P.?

Se avete risposto di sì, non esitate a provare i nostri prodotti. Noi di Acetaia Marchi proponiamo sia l’Affinato che l’Extravecchio, entrambi puri e pregiati, dal colore nero intenso, carico e lucente e dotati di una gradevole e armonica acidità. Possiamo proporre diverse soluzioni e ogni volta avrete a disposizione un Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P. di qualità e unico nel suo genere.


Porri grigliati all’Aceto Balsamico di Modena I.G.P.

Nelle belle giornate di primavera e d’estate, la voglia di assaporare piatti freschi e sfiziosi è sempre dietro l’angolo. Se vi piacciono i cibi cotti sulla griglia e amate le ricette facili e veloci, vi consigliamo di assaporare i porri grigliati all’Aceto Balsamico di Modena I.G.P. Saranno molto apprezzati da tutti i vostri ospiti!

Tutta la bontà e il nutrimento offerti dai porri

Forse non tutti lo sanno, ma i porri, oltre ad essere gustosi, favoriscono la digestione e aiutano a ridurre gli eventuali disturbi correlati al gonfiore addominale. Secondo gli esperti, vantano proprietà antinfiammatorie che si possono riscontrare se, per esempio, si soffre di reumatismi o artrite. I porri sono consigliatissimi anche a chi soffre di problemi renali e ritenzione idrica, grazie all'alto contenuto di potassio e al ridotto apporto di sodio.

Altri effetti benefici, che vi convinceranno ancor più ad assaporare i porri grigliati all’Aceto Balsamico di Modena I.G.P., sono quelli che riguardano l'apparato cardiovascolare. Infatti, sempre grazie all'elevata percentuale di potassio, è possibile migliorare e regolarizzare la pressione sanguigna.

Infine, gli antiossidanti che si trovano in questi prelibati ortaggi hanno il potere di contrastare i radicali liberi, che sono causa dell'invecchiamento precoce delle cellule. Detto questo, non ci resta altro che andare a preparare i porri grigliati all’Aceto Balsamico di Modena I.G.P.

Gli ingredienti di questa gustosa ricetta

  • 1 kg di porri (da pulire),
  • 6 cucchiai di olio extravergine d'oliva,
  • 1 ciuffo di prezzemolo,
  • 10 foglie di menta,
  • 2 rametti di aneto,
  • Aceto Balsamico di Modena I.G.P. q.b.
  • Rosmarino, sale fino e pepe nero q.b.

La preparazione dei porri grigliati all’Aceto Balsamico di Modena I.G.P.

La prima operazione che dovete fare è pulire con cura i porri. Dovrete liberarli dalle parti più esterne e lasciare soltanto la parte più tenera, quella che si trova all'interno, definita il cuore del porro. A questo punto lavateli accuratamente sotto l'acqua corrente, poi immergeteli in una pentola di acqua bollente e salata. Dopo quindici minuti di cottura a fuoco medio, potrete scolare i porri e lasciarli nello scolapasta per eliminare eventuali residui di acqua.

Servendovi di una piastra antiaderente preriscaldata, procedete con la grigliatura dei porri, che deve durare circa dieci minuti. Durante questa fase, girate i porri in modo che la cottura risulti uniforme. Al termine, posateli su un piatto di portata.

Dopodiché potrete occuparvi del condimento dei porri grigliati: lavate e tritate finemente su un tagliere le erbe aromatiche (menta, prezzemolo, aneto e rosmarino). Prendete una ciotola e versatevi dell'olio di oliva, pepe e sale, e aggiungetevi le erbe tritate. Mescolate il tutto per amalgamare il condimento e usatelo per condire i porri. Infine, sarà il momento del balsamico: versate sulla pietanza un po’ di Aceto Balsamico di Modena I.G.P. Invecchiato Argento e il risultato sarà davvero eccezionale!

aceto-balsamico-di-modena-i-g-p-invecchiato-argentoPorri grigliati: una ricetta facile e veloce

Lasciate riposare i porri grigliati all’Aceto Balsamico di Modena I.G.P. per circa trenta minuti in frigorifero prima di servirli. Ogni ospite rimarrà piacevolmente stupito e soddisfatto. Preparare questa ricetta sarà facile e veloce, l’importante è scegliere sempre ingredienti di qualità e cucinare con passione!